14.02.2018 h 12:25 di  Valtiberina Informa

commenti
 

Alessia Martegiani e Maurizio Di Fulvio protagonisti alla Sala degli Specchi per la rassegna “Gli Arnesi della Musica”

Saranno la voce e la chitarra, gli elementi principali dell’appuntamento di questo mese. Appuntamento per domenica 18 febbraio alle ore 17
 Alessia Martegiani e Maurizio Di Fulvio protagonisti alla Sala degli Specchi per la rassegna “Gli Arnesi della Musica”
Saranno la voce e la chitarra, gli elementi principali dell’appuntamento del mese di Febbraio con l’inedita rassegna, “Gli Arnesi della Musica”, il ciclo di concerti-conferenze alla riscoperta degli strumenti, della loro storia e applicazione concreta con i migliori interpreti abilmente selezionati da un regista d’eccezione, il maestro Fabio Battistelli, tifernate doc, musicista di fama internazionale, direttore artistico della manifestazione allestita dal Circolo Culturale, “Luigi Angelini” presieduto da Luigi Chieli. E’ infatti in programma Domenica 18 Febbraio, alle ore 17 presso la Sala degli “Specchi” del Circolo Tifernate Accademia degli Illuminati il concerto di Alessia Martegiani (voce) e Maurizio di Fulvio (chitarra), “Da Posillipo a Copacabana”. In programma melodie e canzoni di sicuro effetto e fascino come Carinhoso, Anema e core, Summertime, Imagine, Besame mucho, Malafemmena, Tico tico. Alessia Martegiani, della provincia di Teramo, è una delle voci italiane più richieste ed apprezzate a livello internazionale. Si avvicina giovanissima alla musica cominciando con lo studio del pianoforte. Per diversi anni studia i ritmi e le sonorità della musica brasiliana, perfezionando la conoscenza del repertorio bossa nova e samba cançao. Effettua tournèe in Brasile collaborando con musicisti brasiliani, facendo esperienze live e in studio. Partecipa a diversi seminari sull’improvvisazione jazz con Jay Clayton, John Taylor, Anthony Jackson e si laurea all’Università DAMS di Bologna. In Italia ha cantato in diverse formazioni e con musicisti quali: Massimo Manzi, Luca Bulgarelli, Mauro De Federicis, Paolo Di Sabatino, Fabrizio Bosso, Nicola Cordisco, Aldo Vigorito, Marco Siniscalco, Stefano Cantini, Fabrizio Mandolini. Ha cantato come solista nell’Orchestra Contemporanea del Conservatorio di Teramo e ha presentato un recital interamente dedicato alle musiche di Antonio Carlos Jobim, progetto ideato e diretto da Maurizio Di Fulvio. Ha fondato con Massimiliano Coclite e Bruno Marcozzi, il gruppo Trem Azul, con il quale si esibisce in importanti manifestazioni e con il quale nel 2006 ha prodotto il suo primo lavoro da band leader, cd pubblicato dall’etichetta Wide Sound e scelto dall’Egea per la distribuzione. Maurizio Di Fulvio, risiede a Pescara. Chitarrista-compositore, svolge una brillante carriera concertistica su scala mondiale in qualità di solista e con formazioni varie, suonando nei maggiori festival a fianco dei più autorevoli musicisti, con lodevoli testimonianze di pubblico e di critica. Si è formato principalmente con J. Bream, A. Carlevaro, J. Scofield e P. Metheny e ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti. Ha composto più di 50 brani di carattere vario destinati all’esecuzione solistica e da camera, ha partecipato a numerose sedute discografiche (in studio e live) in Europa e America con autorevoli musicisti del posto e come leader ha inciso i compact-disc Sweety notes del 2000, Mediterranean flavours del 2003, A flight of fugues del 2004, On the way to wonderland del 2007 e Carinhoso del 2010. È stato docente di chitarra nei Conservatori italiani di Foggia, Verona, Modena e Padova. Membro di giuria dei più prestigiosi concorsi di chitarra, tiene masterclasses nelle Università e nelle Istituzioni musicali di diversi paesi sulla letteratura chitarristica tradizionale e sull’impiego della chitarra classica nel jazz. Ha ricevuto elogi da importanti testate giornalistiche e la critica specializzata lo considera tra i chitarristi più interessanti della scena internazionale. 
 
Edizioni locali collegate:  Città di Castello

Data della notizia:  14.02.2018 h 12:25

 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.