27.07.2018 h 16:45 di  Valtiberina Informa

commenti
 

Termina il viaggio di Valtiberina Informa

“Questo è senza dubbio l’articolo più difficile che abbia mai scritto”
Termina il viaggio di Valtiberina Informa
Nella vita spesso ci troviamo di fronte a un bivio, davanti alla necessità di prendere decisioni anche molto difficili e sofferte, costretti a scegliere se andare avanti oppure voltare pagina.

Durante il mio percorso, la vita mi ha portato molte volte a dover decidere su cose più o meno importanti. Non nascondo di aver avuto tante soddisfazioni e Valtiberina Informa è stata una di queste, nel corso degli anni è diventata una realtà giornalistica importante, rispettata e seguita, in poche parole il mio orgoglio. Sì, perché Valtiberina Informa non è mai scesa a compromessi ed è sempre andata avanti con le proprie forze.

Ma poi succede che negli anni ti rendi conto che la fatica è tanta, l’impegno è enorme e gli equilibri sono talmente sottili che qualche volta si spezzano. Non nascondo di aver dato l’anima in tutto questo tempo e quasi sempre il mio lavoro è stato in forma gratuita, incentivato e nutrito solo da una grandissima passione, che mi ha portato a restare 24 ore su 24 sempre in prima linea, pronta a risolvere continuamente problematiche di ogni sorta e imprevisti di tutti i tipi, imparando quello che c’è da imparare per rimanere al passo con i tempi, cercando di capire il meccanismo della “tua macchina” fin nei minimi particolari, allo scopo di ottimizzarla al massimo. È così che si giunge a rinunciare a uno stipendio, al proprio tempo libero arrivando a non avere più né sabati né domeniche o festività, rimanendo sempre lì pronto a portare avanti ciò in cui credi…

In questi anni ho ricevuto tante gratificazioni e soddisfazioni, siamo sempre stati innovativi, cartaceo, web, app, social e in tanto altro. I numeri, che non ho mai avuto voglia di ricordare per mancanza di senso autocelebrativo, ci hanno dato sempre ragione, testimoniando la qualità e la serietà del nostro lavoro.

Sono fiera e orgogliosa di questo, come di aver cresciuto e fatto realizzare il sogno di diventare giornalisti/e a ben sette ragazzi/e che adesso hanno preso strade diverse, alcuni di loro hanno continuato a collaborare con la testata, altri stanno crescendo professionalmente raggiungendo traguardi importanti.

Credo di aver lasciato tanto a tutti, i nostri servizi saranno sempre lì pronti per chi vorrà rivederli, su Flickr abbiamo più di 22.000 foto, altrettante di repertorio che raccontano la Valtiberina degli ultimi anni, su Youtube tantissimi servizi video e trasmissioni tematiche con approfondimenti e una pagina Facebook con milioni di visualizzazioni e tanti contenuti multimediali. Lo stesso portale rimarrà visibile e fungerà da archivio di notizie.

Non nascondo però, ed è questo uno dei motivi principali della mia scelta, di aver trovato tante porte chiuse, tante ingiustizie, e l’essere “donna” non ha purtroppo aiutato. Ho presentato centinaia di progetti ma spesso mi sono trovata di fronte a “persone” pronte a elogiare da un lato, ma ad abbandonarti dall’altro, preferendo sostenere economicamente altri, di conseguenza mi sono dovuta accontentare sempre di “poco” o di “nulla” a fronte di servizi continui, solo per la voglia di fare informazione.

Il mondo del giornalismo specialmente nelle realtà locali come la nostra avrebbe bisogno di contributi per poter andare avanti dignitosamente, perché giornalmente si fanno enormi sforzi “per informare” e questo dovrebbe essere riconosciuto.

La mia è stata una decisione sofferta maturata già da qualche mese, avevo pensato di cedere inizialmente la testata giornalistica che è SANA e non ha debiti, e paradossalmente ha tantissima visibilità nel territorio però non ha entrate sufficienti per andare avanti dignitosamente, con continuità, ma non è semplice trovare chi pensi possa portare avanti il tuo “sogno”. Perché i sogni sono troppo personali, affinché qualcun altro possa condividerli. Quindi ho abbandonato l’idea e ho riprovato perché sono convinta che “se tieni a qualcosa l’ultimo tentativo è sempre il penultimo”.

Posso dire di aver fatto tutto il possibile ma poi ti si presentano situazioni in cui ti chiedi se vale veramente la pena continuare e prendi la tanto sofferta ultima decisione.

Valtiberina Informa termina qui il suo splendido viaggio, non mi sento in colpa, ho dato tutto quello che potevo dare moralmente, economicamente, di tempo, e penso di aver lasciato un esempio di correttezza anche “deontologica” mai accanendomi a nessuna notizia sia di cronaca che di politica o di altro, non sono mai stata motivata dal fare numeri, visualizzazioni o like su facebook, mi sono sempre e dico sempre messa dall’altra parte, da quella del lettore, convinta che una notizia data in un modo o in un altro cambi la “sensibilità” di chi la legge.

Nell’andare avanti mi sono accorta anche che oltre alla fatica, bisogna fare i conti con i rapporti umani che non sono più come prima, davanti viene sempre messo, l’arrivismo, l’egoismo, così capisci che non ti ci ritrovi più in questo meccanismo contorto che ti annienta dentro, e ti continui a chiedere se ne vale veramente la pena.

Vale la pena essere sempre connessi, super tecnologici, avere amici e fan virtuali, cercare di mettere e postare una notizia prima degli altri perché il “meccanismo” lo richiede?

Secondo me NO!

Oggi essere rivoluzionari significa togliere più che aggiungere, rallentare più che accelerare, significa dare valore ad altro. Ecco, allora io voglio essere “rivoluzionaria”. Credo di aver raggiunto l’obiettivo più alto: la consapevolezza di ciò che veramente conta.

Non lascio sicuramente un vuoto, l’informazione nel nostro territorio è ben coperta siamo veramente tanti, quindi faccio un grosso e sincero in bocca al lupo a tutti i miei colleghi. Ringrazio tutti quelli che in qualche modo sono stati con me in questo “viaggio” e anche quelli che si sono allontanati durante il percorso per prendere altre strade.

Comunque sia andata è stata una “gran bella avventura” che porterò sempre nel mio cuore.

Cinzia Scatragli
 

Data della notizia:  27.07.2018 h 16:45

 
comments powered by Disqus

Ultime Notizie

 

Digitare almeno 3 caratteri.