21.08.2012 h 14:34 di  Valtiberina Informa

commenti
 

700.000 € per l'assunzione di disabili in provincia di Arezzo

Il contributo può essere richiesto da imprese private, comprese le cooperative sociali e Onlus, anche non obbligate ai sensi della legge 68. Il bando scade il 31 agosto
700.000 € per l'assunzione di disabili in provincia di Arezzo
La Provincia di Arezzo mette a disposizione 715.097,33 euro, a carico del Fondo Regionale, per promuovere, sostenere e favorire l'’inserimento nel mercato del lavoro dei soggetti disabili iscritti nell'’elenco provinciale, contribuendo alla realizzazione del nuovo sistema di "collocamento mirato". I contributi erogati si configurano come "Aiuti di Stato", quindi dovranno rispettare le normative comunitarie in materia.

Questi potranno essere richiesti per assunzioni a tempo indeterminato (A), trasformazione di un rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato (B), assunzione a tempo determinato non inferiore a 12 mesi (C), adeguamento/trasformazione posto di lavoro o acquisto di apparecchiature utilizzate dal disabile assunto (D), voucher per progetti d’'inserimento (E): destinati a soggetti con invalidità psichica, mentale, sensoriale o con gravi disabilità motorie, presentati da aziende private o cooperative sociali di tipo B non soggette all'’obbligo di assunzione di disabili ai sensi di legge. I contributi massimi saranno rispettivamente di 8.000, 6.000, 3.000 e 3.500 euro; per le assunzioni part-time il contributo sarà ridotto proporzionalmente sulla base dell'’orario di lavoro, mentre quello per i voucher è cumulabile nei casi A, C e D solo se prevista l’'assunzione a tempo indeterminato. Per i voucher l'’importo sarà ridotto al 50% nel caso in cui alla formazione non segua l'’avviamento al lavoro o l'’attivazione di un T.F.A. (Tirocinio Finalizzato Assunzione).

Possono richiedere queste tipologie di contributi le imprese private (comprese le cooperative sociali, ONLUS), anche non obbligate ai sensi della legge 68, con sede operativa nel territorio provinciale. Ovviamente dovranno essere in regola con la normativa vigente: applicazione CCNL, versamenti contributivi e assicurativi obbligatori, sicurezza nei luoghi di lavoro.

"La legge 68 – ha affermato Carla Borghesi, assessore provinciale al Lavoro e Formazione professionale – è stata una grande vittoria sociale, ma senza fondi rischia di rimanere solamente un bel contenitore. Non per la Provincia di Arezzo che attraverso il Servizio Lavoro si è sempre impegnata per promuovere l'’inserimento dei disabili nel mondo delle professioni. Questo ulteriore contributo ne è una concreta dimostrazione".

Le domande in bollo (14,62 euro) dovranno pervenire (consegnate a mano o tramite raccomandata, entro e non oltre le 12 del 31 agosto 2012) al Servizio Categorie Protette, via San Lorentino 25 Arezzo con la dicitura: "Avviso Fondo Regionale per l’'occupazione dei disabili – Contributi alle imprese per l'’inserimento lavorativo di persone con disabilità iscritte negli elenchi di cui alla L. 68/1999", il mittente e la data di scadenza.

Per la presentazione delle domande sono previste successive scadenze mensili – fino ad esaurimento fondi – che saranno di volta in volta pubblicate nel sito sotto indicato.

Il bando e la modulistica sono scaricabili al link provincia.arezzo.it nella pagina "bandi e atti pubblici". Per ulteriori informazionimcordaro@provincia.arezzo.it.
 

Data della notizia:  21.08.2012 h 14:34

 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.