20.04.2017 h 10:45 di  Valtiberina Informa

commenti
 

Ad Umbertide " Caffè filosofici alla Fa.Mo."

Ad Umbertide " Caffè filosofici alla Fa.Mo."
Immagine generica
Dopo il brillante risultato della studentessa Sofia Bianchini che si è classificata prima nelle selezioni regionali delle Olimpiadi di Filosofia, il Campus “Leonardo da Vinci” prosegue le iniziative volte ad approfondire le tematiche filosofiche per avvicinare gli studenti al dibattito critico ed allo sviluppo delle competenze argomentative.
Tra le iniziative del Dipartimento di Filosofia, Storia e Scienze umane c’è infatti il “Caffè filosofico” che ormai da tre anni viene proposto agli studenti e ai professori con successo sempre crescente. I “Caffè filosofici” sono infatti incontri caratterizzati da libere discussioni su varie tematiche, che provocano il pensare attraverso uno stimolante confronto tra le diverse posizioni dei dialoganti. Un relatore, in un ambiente extrascolastico (di solito bar o caffè) introduce in modo colloquiale l’argomento prescelto, sul quale poi si sviluppa la libera discussione dei partecipanti. I primi due incontri proposti per questo anno scolastico si sono tenuti lunedì 20 marzo e martedì 4 aprile presso la FAMO di Umbertide. I relatori sono stati il prof. Francesco Menichetti, docente di religione presso il Campus “Da Vinci”, laureato in filosofia con magistrale a Strasburgo che ha trattato il tema “La memoria del tempo. Cosa resta nella vita?” ed il prof. Marco Marcucci, docente di Diritto presso il Campus che ha trattato il tema “I nemici oggi della società aperta” .
Il primo incontro ha focalizzato l’attenzione sul tema del tempo e della memoria, di fondamentale importanza a livello filosofico, che è stato trattato analizzando i diversi modi con cui i filosofi dall’età classica al 1900 si sono approcciati alla tematica evidenziandone i due paradigmi fondamentali: la memoria fisicista e la memoria come qualità degli eventi che si danno alla coscienza. Il secondo incontro prendendo spunto dall’opera del filosofo K. Popper “La società aperta ed i suoi nemici” ha affrontato con un taglio filosofico, sociologico e giuridico il  problema della democrazia, della cittadinanza, e dei valori ad essa connessi. 
Ne è scaturito in entrambi gli incontri, un ampio dibattito con gli studenti presenti che in una discussione mai banale è stato  costantemente arricchito dagli interventi dei partecipanti che di volta in volta aprivano nuovi spunti di riflessione e di rielaborazione critica. Molta la soddisfazione dei docenti presenti del Dipartimento e del prof. Ubbidini Marco (referente della attività) nel vedere il protagonismo dei ragazzi dell’Istituto, ai quali si sono aggiunti anche ex studenti dell’anno precedente che ormai universitari, hanno partecipato nuovamente con entusiasmo ad una attività che li ha resi protagonisti durante gli anni passati e che è rimasta in loro come forte esperienza formativa.
Questi incontri infatti, promossi in un ambiente informale, contribuiscono all’approfondimento ed allo sviluppo delle conoscenze, alla maturazione delle competenze necessarie  per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, insomma alla realizzazione degli obiettivi del Campus da Vinci: mantenere elevata la qualità dell’azione formativa a livello pedagogico - didattico, promuovendo  la partecipazione attiva degli studenti. L’ultimo dei tre incontri previsti si terrà venerdì 5 maggio alle ore 17 sempre presso la Famo con il prof. Antonio Allegra, docente universitario che tratterà il tema “Postverità ed autorità. Riflessioni controcorrente”. L'Istituto invita gli appassionati, studenti e non, a partecipare
 
Edizioni locali collegate:  Umbertide

Data della notizia:  20.04.2017 h 10:45

 
comments powered by Disqus

Ultime Notizie

 

Digitare almeno 3 caratteri.