11.07.2018 h 12:49 di  Valtiberina Informa

commenti
 

Ad Umbertide Serata anni Sessanta con Edoardo Vianello

Venerdì 13 luglio
Ad Umbertide Serata anni Sessanta con Edoardo Vianello
Sarà Edoardo Vianello, il celebre cantante e cantautore italiano che ha portato al successo brani come “Abbronzatissima”, “I Watussi”, “Pinne fucile ed occhiali” e “Guarda come dondolo”, l’ospite d’onore di “Stasera mi butto”, la serata dedicata ai mitici anni Sessanta che si terrà venerdì 13 luglio in piazza Matteotti ad Umbertide. L’evento, che è diventato oramai un appuntamento fisso dell’estate umbertidese e che negli anni ha visto salire sul palco i più grandi artisti degli anni ‘60, ’70 e ‘80 del calibro dei Dik Dik, Katia Ricciarelli, Andrea Mingardi, Michele e Dino, è promosso dal Gruppo Volontari Umbertide che da quattro anni organizza la manifestazione dedicata alla bella musica e alla solidarietà. L’incasso del concerto (ingresso ad offerta) sarà infatti devoluto al progetto “Scompitiamo” finalizzato al sostegno dei bambini affetti da DSA (Disturbi dell’apprendimento); grazie ai fondi raccolti sarà possibile implementare la strumentazione tecnologica e gli ausili informatici necessari per consentire agli studenti delle scuole primarie, medie e superiori di svolgere i compiti in completa autonomia. La serata si aprirà alle ore 21 con la musica dell’Orchestra all’Italiana che farà ballare e divertire il pubblico scaldando piazza Matteotti in attesa del grande ospite della serata, Edoardo Vianello, che sul palco umbertidese parlerà di sé e della sua musica ma soprattutto farà ascoltare le sue più celebri canzoni che hanno segnato le estati italiane dagli anni Sessanta in poi. All’iniziativa sarà presente anche l’assessore Sara Pierucci in rappresentanza del Comune di Umbertide che patrocina l’evento. In caso di pioggia la manifestazione verrà spostata a venerdì 20 luglio.
 
Edizioni locali collegate:  Umbertide

Data della notizia:  11.07.2018 h 12:49

 
comments powered by Disqus

Ultime Notizie

 

Digitare almeno 3 caratteri.