27.07.2018 h 15:15 di  Valtiberina Informa

commenti
 

L'agricoltura aretina invade la città: Agri Young grande festa al Prato di Arezzo. Fotogallery

Oltre 600 i bambini che si sono avvicinati al mondo dell’agricoltura con i laboratori didattici alla scoperta delle filiere agroalimentari. Una giornata importante per la Coldiretti, per l’agricoltura aretina ed importantissima per la città di Arezzo, ad Agri Young trionfo dell’agricoltura aretina e dell’agroalimentare della provincia
I sette punti dell’agricoltura, sette tematiche, sette indirizzi discussi dal Comitato Giovani Impresa Arezzo che ha coordinato all’interno della settima edizione di Agri Young – Festa dell’Agricoltura aretina “I tavoli tematici dell’agricoltura” su “Le politiche giovanili in agricoltura: fare impresa oggi”, “Cultura d’impresa, innovazione e PAC”, “Salvaguardia del territorio: danni da fauna selvatica e calamità naturali. Questione assicurazioni”, “Tutela del made in Italy: sicurezza alimentare, italian sounding, etichettatura, vendita diretta”, “Semplificazione amministrativa e accesso al credito”, “Turismo agroalimentare e internazionalizzazione”, “Spreco alimentare, riciclo e ammendante”. Durante il confronto che ha visto sedersi allo stesso tavolo appunto i giovani di Coldiretti Arezzo, gli enti e le istituzioni nazionali, regionali e del territorio per trovare una sintesi che possa essere utile alle politiche, alle problematiche e alla promozione e allo sviluppo del settore. Moltissime le istituzioni presenti con il Senatore Riccardo Nencini, la Vicepresidente del Consiglio Regionale della Toscana Lucia De Robertis, l’Assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, il Consigliere Regionale Marco Casucci e poi ancora il Colonnello dei Carabinieri Forestali Claudio D’Amico, il Presidente della Camera di Commercio di Arezzo Andrea Sereni ed il Segretario Generale Giuseppe Salvini, e poi il Presidente di Asnacodi Albano Agabiti, l’Assessore al Turismo del Comune di Arezzo Marcello Comanducci, i Sindaci dei Comuni di Caprese Michelangelo e Castiglion Fiorentino rispettivamente Claudio Baroni e Mario Agnelli, il Direttore Area Ricerca e Sviluppo di Bonifiche Ferraresi Francesco Pugliese, il Direttore della Fondazione Campagna Amica Carmelo Troccoli, il Segretario Nazionale di Terranostra Toni De Amicis, Claudia Albani della Confederazione Nazionale di Coldiretti, il Primo Rettore della Fraternita dei laici Dottor Pierluigi Rossi, il Presidente del Consorzio italiano compostatori Alessandto Canovai, il Presidente di AISA Impianti Giacomo Cherici presenti inoltre il Presidente e Direttore di Coldiretti Toscana Tulio Marcelli e Antonio De Concilio. “Agri Young – Festa dell’agricoltura aretina, tra tradizione e innovazione rappresenta una giornata importante per la Coldiretti, per l’agricoltura aretina ed importantissima per la città di Arezzo – ha detto il Direttore di Coldiretti Arezzo Mario Rossi - noi non abbiamo portato a Il Prato di Arezzo soltanto l’agricoltura aretina ma una parte significativa dell’agroalimentare di questa provincia, temi strategici affrontati anche durante i tavoli tematici dell’agricoltura – ha illustrato il Direttore - finalizzati a far crescere, a sviluppare un sistema, a tutelare un territorio, a salvaguardare le nostre produzioni locali ed i nostri prodotti tipici. Noi ci siamo sempre battuti, ci stiamo battendo e continueremo a farlo quotidianamente per tutelare gli interessi sia delle nostre imprese agricole che dei cittadini consumatori”. Il Prato di Arezzo ha ospitato così la prima Festa dell’agricoltura aretina targata Coldiretti Arezzo, un appuntamento unico finalizzato a far conoscere al cittadino consumatore i valori di identità e tipicità delle aziende agricole e produzioni agroalimentari locali, promuovere l’imprenditorialità giovanile in agricoltura e le eccellenze del territorio. “Come Comitato Giovani Impresa Coldiretti Arezzo abbiamo fin da subito supportato questa manifestazione – ha dichiarato Francesca Lombardi Delegata Regionale e di Arezzo di Coldiretti Giovani Impresa – abbiamo avuto la possibilità di dialogare con gli enti e le istituzioni nazionali, regionali e locali per trovare una sintesi sui tanti temi discussi che riguardano il nostro settore. Fare impresa oggi non è una scelta facile, molti di noi sono partiti da zero ma nell’agricoltura abbiamo trovato il nostro presente ed il nostro futuro – qui vogliamo continuare ad operare ed è per questo che momenti come Agri Young sono fondamentali, per darci gli stimoli ma anche le risposte che ci servono per proseguire nel nostro cammino di creatore di buona agricoltura e cibo giusto”. Oltre 600 bambini hanno partecipato alle attività didattico/ludico/ricreative con le Fattorie Didattiche aderenti alla rete di Coldiretti, Aisa Impianti Zero Spreco, Banda Piccoli Chef e Uisp Arezzo, partecipatissime le presentazione dei libri “#Gnomeide”di Gilberto Santucci e Sonia Montegiove sul tema del corretto uso del digitale oggi e “La gente dei Campi ed il sogno di Bonomi” di Nunzio Primavera che ripercorre la storia della Coldiretti dalla fondazione alla riforma agraria e poi il trekking urbano con l’Associazione Liria che ha visto il coinvolgimento di molti appassionati in una camminata del tutto inedita intorno alla Fortezza, un tuffo nel passato con la rievocazione della battitura a cura dell’Agraria Vannino Primo e con l’esposizione di macchine ed attrezzatura agricole ed una mostra fotografica a cura di Enzo Chiocchia con scatti inediti e suggestivi dedicati a mondo dell’agricoltura, e poi i partecipatissimi corsi di avvicinamento al vino, birra ed olio condotti da AICOO e AIS Toscana e lo spazio famiglia e pit stop neonati con l’Associazione Salute e Nascita. “Sono dieci giorni dalla mia elezione – afferma il Presidente di Coldiretti Arezzo Lidia Castellucci – e li festeggio qui ad Agri Young, oggi abbiamo portato la campagna in città, una campagna che si propone come educazione ai bambini e alle famiglie e lo spazio dei laboratori didattici lo ha dimostrato, un momento significativo e di forte impatto della giornata. Nella filosofia di Coldiretti è nevralgico il voler avvicinare l’imprenditore al consumatore, per creare conoscenza e consapevolezza. Agri Young – Festa dell’agricoltura aretina è stata una grande fattoria a cielo aperto che ha mostrato ai cittadini aretini tutta la buona agricoltura, un significativo momento di dialogo con la società, caratterizzato da momenti di confronto e approfondimento”. La festa si è conclusa con una “Maxi grigliata di Campagna Amica”, che nonostante la pioggia è stata partecipatissima, cena accompagnata dall’ottima birra agricola sotto il cielo di Arezzo a cura dell’Associazione Cuochi Arezzo e musica per tutti con la Ballantine Band.


 
Edizioni locali collegate:  Arezzo Valtiberina Toscana

Data della notizia:  27.07.2018 h 15:15

 
comments powered by Disqus

Ultime Notizie

 

Digitare almeno 3 caratteri.