15.06.2017 h 17:08 di  Valtiberina Informa

commenti
 

Prova generale della Giostra del Saracino, omaggio alle divise degli anni '60 per gli Sbandieratori di Arezzo

Prova generale della Giostra del Saracino, omaggio alle divise degli anni '60 per gli Sbandieratori di Arezzo
Questa sera, in occasione della Prova Generale della Giostra del Saracino di giugno 2017, il Gruppo Sbandieratori di Arezzo entrerà in Piazza Grande con magliette ispirate alle prime divise degli anni ’60 e in particolare celebrative della ricorrenza dei 50 anni dei primi Giuochi Internazionali degli Antichi Sports della Bandiera, che si tennero proprio in Piazza Grande nel luglio 1967. La ricorrenza sarà ricordata nelle prossime settimane anche con una conferenza curata da Claudio Dini, figlio del Prof. Vittorio Dini, uno dei fondatori della scuola aretina dello sbandieramento.
Con questa scelta, l'Associazione Sbandieratori intende sottolineare ancora una volta il forte legame con le tradizioni e i valori della storia del Gruppo. La realizzazione di questo materiale è stata possibile anche grazie al contributo di Estra e Coingas, a cui va il ringraziamento per la vicinanza e il sostegno dimostrati anche in questa occasione.
Il Presidente di Estra Francesco Macrì ha così voluto sottolineare questa collaborazione: «Gli Sbandieratori sono stati capaci, negli anni, di rappresentare Arezzo. Lo hanno fatto in modo dinamico con il movimento delle loro bandiere e con una coreografia sempre più attenta e coinvolgente. Potevano limitarsi ad essere una “componente” della Giostra del Saracino ma sono stati capaci, invece, di acquisire una loro autonoma identità che adesso è riconosciuta in ogni angolo del mondo. Estra è con loro ed ha sostenuto questa operazione quale doveroso riconoscimento al lavoro fatto al servizio di una città, conservando la memoria della sua storia e sviluppando la diffusione della sua moderna immagine».
Gli fa eco il Presidente di Coingas, Sergio Staderini: «Si può disegnare in molti modi l’immagine di una città. Gli Sbandieratori lo hanno fatto in modo originale, con gli impeccabili movimenti delle loro bandiere, con le coreografie e con le musiche. È emerso un ritratto sempre nuovo, sempre pronto ad essere riprodotto in paesi e continenti diversi. Coingas non solo li sostiene ma, soprattutto, li ringrazia per l’eccezionale lavoro svolto».
 
 
 
 
Edizioni locali collegate:  Arezzo

Data della notizia:  15.06.2017 h 17:08

 
comments powered by Disqus

Ultime Notizie

 

Digitare almeno 3 caratteri.